Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MERANO - Almeno undici morti, ma il numero pare destinato a salire, e 28 feriti, di cui 7 gravi, sono il bilancio di un incidente ferroviario avvenuto stamani in val Venosta, vallata dell'Alto Adige che confina con il canton Grigioni. All'origine del disastro ci sarebbe una frana provocata dalla rottura di un impianto di irrigazione.
Il direttore della Ferrovia della Venosta, Helmuth Moroder, ha detto che finora sono undici i morti recuperati all'interno del treno deragliato. In base ai primi sopralluoghi dei tecnici, un impianto di irrigazione si sarebbe rotto e avrebbe poi "infradiciato" pesantemente il terreno sottostante, rendendolo instabile fino a farlo franare.
Lo smottamento ha fatto deragliare un treno regionale tra Castelbello e Laces, sulla linea che va da Malles a Merano, in un punto dove i binari attraversano una stretta gola. Il convoglio R108 della società di trasporti SAD, gestita dalla provincia autonoma, era partito da Malles alle 8.20 e sarebbe dovuto giungere a Merano alle 9.43.
I morti sono rimasti intrappolati nel vagone in mezzo alla terra e alla fanghiglia. Uno dei due vagoni è finito in bilico sul greto del fiume Adige. Il bilancio delle vittime non è ancora definitivo "perché potrebbe esserci ancora qualcuno sepolto nel fango", ha detto il governatore Luis Durnwalder.
Dieci dei feriti, che hanno riportato traumi cranici e traumi al torace, sono stati portati all'ospedale di Merano, che dista poche decine di chilometri dal posto della disgrazia. Una ventina di feriti sono stati, invece, smistati negli ospedali di Silandro e di Bolzano.
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, appresa la notizia del deragliamento, si è immediatamente messo in contatto con il prefetto di Bolzano al quale ha chiesto di essere informato sugli accertamenti in corso e sulla situazione riguardo ai soccorsi, ai feriti e alle vittime. E il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli arriva sul posto.
La linea della val Venosta dove è deragliato il treno è una delle più moderne dell'Alto Adige. Realizzata su un tracciato preesistente, è stata inaugurata nel 2005.

SDA-ATS