Navigation

Italia: voragine di 200 metri su Lungarno in centro a Firenze

La voragine in cui sono cadute diverse automobili Keystone/AP ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2016 - 10:46
(Keystone-ATS)

Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta stamani sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie, in pieno centro di Firenze, inghiottendo diverse auto in sosta. Non ci sono feriti.

Il cedimento è avvenuto verso le sei e un quarto ed è stato causato dalla rottura nella notte di un grosso tubo dell'acquedotto sul lungarno, di circa 70 centimetri di diametro. La rottura del tubo, oltre a provocare il crollo, ha causato l'allagamento della voragine sommergendo in parte le vetture cadute all'interno.

Diverse idrovore sono state impiegate stamane per svuotare la voragine dall'acqua, che non fuoriesce ora più dalla tubatura.

"Nessun ferito, ma solo danni: danni pesantissimi". Così il sindaco di Firenze Dario Nardella che si è recato sul posto: "È una voragine molto seria".

Vigili del fuoco, polizia municipale e Protezione civile sono al lavoro per evitare possibili altri crolli della strada e anche della spalletta nel tratto di lungarno dove si è verificata la voragine. Il problema, spiegano i vigili del fuoco, è l'acqua fuoruscita dalla tubatura provocando il dilavamento del terreno e quindi l'erosione.

La rottura della dorsale della riva sinistra dell'acquedotto ha causato mancanza d'acqua o comunque problemi nel servizio idrico praticamente in tutta la città di Firenze. Secondo quanto spiegato dal sindaco l'acqua è stata tolta nei quartieri dell'Oltrarno e a Campo Marte. Abbassata la pressione negli altri quartieri.

Il sindaco ha spiegato anche che sono state mandate autobotti nelle scuole.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo