Navigation

Italiani pazzi per il formaggio, batte la pasta

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2012 - 17:04
(Keystone-ATS)

Il latte e i suoi derivati hanno scalzato la pasta dal primo posto sulle tavole degli italiani. I formaggi sono nel menù del 92% della popolazione e il latte in quello dell'85%, afferma il Monitor biennale realizzato da AstraRicerche per Assolatte e presentato oggi a Roma.

Il primato dei latticini, confermato per l'ottavo anno, vede in aumento, rispetto al 2006 i consumatori di burro (dal 74% al 77%) e di panna (dal 67% al 70%). "Sono prodotti da buongustai che si affermano per il loro lato edonistico e per il rapporto qualità, nutrimento e prezzo", osserva il sociologo Enrico Finzi.

I fan dei formaggi sono soprattutto ragazzi di 25-34 anni di ceto medio-alto o alto, ma anche casalinghe, pensionati e opinion leader. Il latte spopola al Sud, mentre lo yogurt va forte nella fascia 45-54 anni e al Centro Italia. Il burro, a sorpresa, piace più nel Mezzogiorno, nella fascia 35-44 anni, tra i diplomati, i lavoratori autonomi, i dirigenti e le casalinghe.

A favore dei prodotti dei prodotti lattiero-caseari gioca inoltre l'immaginario collettivo. La ricerca mostra che associamo al latte sensazioni di sana alimentazione (83%), freschezza dissetante (47%) e calma e serenità (39%), "quasi uno psicofarmaco naturale" per usare le parole di Finzi. Anche lo yogurt ha una connotazione legata alla salute (53%), al dimagrimento (49%) e al relax. I formaggi, invece, sono associati al gusto (55%), alla sazieta" (53%) e al godimento (48%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?