Navigation

Johannes Geiss: morto pioniere della ricerca spaziale

Lo scienziato Johannes Geiss, il terzo da sinistra, è stato un pioniere della ricerca spaziale. Nella foto, scattata a Lucerna nel 2011, anche gli ex astronauti Jean-Francois Clervoy (Francia), Claude Nicollier (Svizzera), e lo statunitense Charlie Duke (foto d'archivio) KEYSTONE/PHOTOPRESS/CHRISTOPH IMSENG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 11:13
(Keystone-ATS)

È morto all'età di 93 anni il noto fisico tedesco, ma bernese d'adozione, Johannes Geiss. Lo scienziato è stato uno dei pionieri della ricerca spaziale in Svizzera ed è stato cofondatore e direttore onorario dell'Istituto internazionale di scienze spaziali di Berna.

Nato il 4 settembre 1926 a Stolp, in Germania, Geiss è stato uno dei primi a chiarire l'esistenza del vento solare, non misurabile dalla terra. La sua scomparsa, avvenuta lo scorso giovedì, è stata resa nota dall'Istituto bernese che lo ricorda sul suo sito web.

Sotto la guida del professore, venne progettata e costruita la vela solare, nota come "Solar Wind Composition Experiment (SWC)". Il 21 luglio 1969, Edwin Aldrin e Neil Armstrong furono i primi due esseri umani a sbarcare sulla superficie lunare nel quadro della missione Apollo 11. Aldrin, ancor prima di issare la bandiera statunitense, conficcò nel suolo lunare la cosiddetta vela solare dell'Università di Berna, unico strumento non statunitense ad essere presente sulla sonda spaziale diretta verso la Luna.

Dopo aver studiato fisica in Germania, Geiss si è trasferito a Berna nel 1957. Qui ha messo radici ed è rimasto nella Città federale per tutta la sua vita, ad eccezione di un breve soggiorno di ricerca negli Usa, a Miami. Per 31 anni è stato professore di fisica sperimentale all'Università di Berna, rimanendo attivo nel ramo anche dopo il suo pensionamento.

È uno dei padri fondatori dell'Istituto internazionale di scienze spaziali di Berna, creato nel 1995, e ha occupato anche il ruolo di direttore per 7 anni.

Geiss ha collaborato a diverse scoperte e ricerche sui corpi celesti, oltre a numerose missioni spaziali. Nel corso della sua vita ha contribuito allo sviluppo dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.