Navigation

Johnson: non chiederò estensione, la Brexit il 31/10

Il primo ministro britannico Boris Johnson con il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker. KEYSTONE/EPA/JULIEN WARNAND sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2019 - 14:59
(Keystone-ATS)

Il primo ministro britannico Boris Johnson ed il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker hanno avuto un incontro costruttivo.

Johnson ha riconfermato il suo impegno sull'Accordo del Venerdì santo e la sua determinazione a raggiungere un accordo senza il backstop, che il Parlamento britannico possa sostenere.

Il premier ha ribadito che non richiederà un'estensione ed uscirà dall'Ue il 31 ottobre". Si legge in una nota di Downing street.

"I leader hanno concordato - si legge nella nota - che i negoziati saranno intensificati e che gli incontri saranno presto su base quotidiana. È stato inoltre deciso che le trattative si terranno a livello politico tra Michel Barnier" ed il ministro per la Brexit Stephen Barclay ed il "dialogo proseguirà anche tra Juncker e il premier".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.