Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La banca Julius Bär ha visto i patrimoni in gestione ridursi a 289 miliardi di franchi nei primi quattro mesi dell'anno, con una contrazione dell'1% rispetto allo stesso periodo del 2014. Da solo l'influsso negativo dei cambi ha avuto un impatto di 19 miliardi.

A questo si aggiungono autodenunce di evasori fiscali in Francia e Italia. Sul fronte inverso la banca ha approfittato dell'arrivo di denaro fresco, del generale andamento del mercato e dei 4,3 miliardi giunti attraverso l'acquisizione delle attività di private banking di Bank Leumi. Anche il rapporto fra costi e ricavi è migliorato.

Gli analisti si aspettavano una diminuzione maggiore degli attivi in gestione - precisamente a 286 miliardi - perché la gran parte è investita in valute estere. Di conseguenza il titolo Julius Bär in borsa ha reagito stamani bene alle ultime novità, guadagnando circa l'1,5%.

Di recente il corso è stato spinto al rialzo da voci relative a una possibile acquisto della banca. Sarebbero interessati Credit Suisse e Intesa San Paolo. A raffreddare gli ardori di possibili pretendenti rimane però il contenzioso fiscale con gli Usa, tuttora aperto: a questo proposito oggi non sono state rese note novità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS