Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine della caserma di Srinagar (Stato indiano di Jammu & Kashmir) della Forza di sicurezza delle frontiere (Bsf) sotto attacco di un commando armato .

KEYSTONE/EPA/FAROOQ KHAN

(sda-ats)

Si è concluso dopo dieci ore con un bilancio di quattro morti e tre feriti l'attacco portato oggi da un commando armato ad una caserma di Srinagar (Stato indiano di Jammu & Kashmir) della Forza di sicurezza delle frontiere (Bsf). Lo riferisce l'agenzia di stampa Ians.

Un commando di almeno tre militanti appartenenti a quanto risulta al movimento fondamentalista islamico filo-pachistano Jaish-e-Mohammed (JeM), ha precisato una fonte della polizia, è riuscito a penetrare nella base considerata di massima sicurezza alle porte della città, ingaggiando uno scontro a fuoco con i paramilitari e le unità speciali dell'esercito accorse sul posto. I morti sono tre militanti islamici e un agente paramilitare.

Data la vicinanza della caserma all'aeroporto, il traffico aereo è stato sospeso per varie ore ed è però ripreso all'inizio del pomeriggio.

L'agente paramilitare, si è appreso, è stato ucciso nel primo scontro a fuoco in cui sono rimasti feriti altri tre suoi compagni, ed è in questa fase che è morto anche il primo degli attaccanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS