Navigation

Keller-Sutter: Svizzera pronta ad accogliere rifugiati dalla Grecia

La consigliera federale Karin Keller-Sutter KEYSTONE/EPA/CB ukit sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2020 - 11:48
(Keystone-ATS)

La Svizzera intende accogliere rifugiati minorenni provenienti dalla Grecia. Lo ha dichiarato oggi la consigliera federale Karin Keller-Sutter, poco prima della riunione dei ministri dell'interno dell'UE, a Zagabria, in Croazia.

Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha proposto ad Atene di accogliere un certo numero di minorenni non accompagnati con legami familiari con la Svizzera, ha dichiarato la "ministra" all'agenzia Keystone-ATS. Non è ancora chiaro quando giungeranno.

Keller-Sutter ha pure invitato la Commissione europea a elaborare un piano d'azione per la Grecia. La situazione umanitaria nel Paese è precaria e in più c'è un'importante frontiera esterna dello spazio Schengen, ha rilevato. "Bisogna assicurarsi che ci sia un registro completo di chi entra in Grecia", e anche il rimpatrio deve essere garantito in modo che non sia possibile continuare il viaggio, ha aggiunto.

A margine della riunione ministeriale, Keller-Sutter sta pianificando colloqui con i ministri degli interni austriaco Karl Nehammer e tedesco Horst Seehofer nonché con la ministra delle migrazioni olandese Ankie Broekers-Knol.

Sulla scia della crisi dei rifugiati del 2015, la Commissione europea guidata da Jean-Claude Juncker ha presentato una riforma del sistema di asilo nell'Unione. Gli Stati membri non sono però riusciti a trovare un accordo su uno dei punti più importanti del dossier, la ridistribuzione dei rifugiati. In primavera la nuova presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, presenterà un nuovo piano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.