Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una presenza internazionale sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme per far calare la tensione, come proposto dalla Francia, non è necessaria, ha detto oggi a Madrid il segretario di stato Usa John Kerry.

Il capo della diplomazia americana, che vedrà nei prossimi giorni il premier israeliano Benyamin Netanyahu e il presidente palestinese Abu Mazen, ha precisato che Washington non prende in considerazione alcun cambiamento dello status quo di Gerusalemme e che nemmeno Israele lo prevede.

Intanto giunge notizia che il ministero degli affari esteri israeliano ha convocato l'ambasciatore francese in Israele Patrick Maisonnave in quello che è stato definito un "confronto aspro" dopo la proposta francese di osservatori internazionali sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme.

Lo ha fatto sapere il portavoce del ministero Emmanuel Nahshon. Nel colloquio Israele ha ribadito la sua netta contrarietà - come già detto dal premier Benyamin Netanyahu - alla proposta francese. "Israele si oppone - ha spiegato Nahshon illustrando quanto detto a Maissonave - ad ogni mossa che non sia coordinata e avanzata senza la sua partecipazione in temi che riguardano i suoi vitali interessi".

L'ambasciatore francese - secondo Nahshon - ha obiettato che il suo paese sta passando in rassegna idee su quello che ha definito "uno stallo continuo nel processo di pace".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS