La Corea del Nord valuta di sospendere i colloqui sulla denuclearizzazione con gli Stati Uniti e la moratoria "volontaria" su test nucleari e di missili.

Dopo il nulla di fatto del secondo summit con il presidente Donald Trump in Vietnam, Kim Jong-un prova a sparigliare le carte: la minaccia di nuovi scenari turbolenti è affidata alla viceministra degli Esteri, Choe Son-hui.

In un inconsueto meeting a Pyongyang con diplomatici e media stranieri, tra cui l'americana Associated Press, Choe ha assicurato che il Nord "non ha intenzione di fare compromessi o continuare i colloqui, a meno che gli Usa non prendano misure proporzionate" ai cambi di politica adottati dallo Stato eremita, tra cui lo stop "volontario" di 15 mesi su test nucleari e missilistici, cambiando i "calcoli politici".

La diplomatica ha preannunciato la decisione a breve sul tema del "comandante supremo", proprio quando a Pechino il premier cinese Li Keqiang, quasi in simultanea, diceva nella conferenza stampa a chiusura della sessione parlamentare che "le questioni legate alla penisola coreana sono complicate", non risolvibili "nell'arco di una notte", ma con "pazienti" negoziati.

È chiaro che qualsiasi atto di forza del Nord, coi sospetti alimentati dalle attività rilevate al sito dei lanci satellitari di Sohae, manderebbe in frantumi le ultime chance di dialogo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.