Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Gli scontri interetnici che hanno recentemente infiammato il sud del Kirghizistan hanno causato la morte di 240 persone: lo ha annunciato oggi il ministero della sanità kirghizo, citato dall'agenzia Akipress.
Il numero dei feriti è di 2.194, di cui 1.027 ricoverati, mentre altri 1.616 hanno ricevuto un trattamento ambulatoriale.
Gli scontri tra kirgizi e uzbeki, durati una settimana, sono cominciati nella notte tra il 10 e l'11 giugno nel Kirghizistan meridionale, in particolare a Osh, feudo del deposto presidente Kurmanbek Bakiev, che dopo la rivolta dell'opposizione ha trovato riparo in Bielorussia.
Secondo dati non ufficiali, il numero di vittime potrebbe raggiungere le 2.000 persone.

SDA-ATS