Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - "Un colpo di Stato" con ingerenze esterne: così il presidente kirghizo Kurmanbek Bakiev ha definito in un'intervista a Radio Eco di Mosca la conquista del potere da parte dell'opposizione, dopo i violenti scontri di ieri. Bakiev ha denunciato il presunto ruolo di forze esterne: "Non voglio indicare un Paese concreto - ha detto - ma senza forze esterne è praticamente impossibile compiere questa operazione ben coordinata".

SDA-ATS