Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Il bilancio dei tumulti scoppiati dal 10 giugno nel sud del Kirghizistan potrebbe essere di almeno 2.000 morti: lo ha detto la premier a interim Rosa Otunbaieva in una intervista al quotidiano russo 'Kommersant'.
Il conto è ufficialmente di 191 vittime, ma "aumenterei di almeno 10 volte il numero dei morti", ha detto Otunbaieva. La premier ha aggiunto che molte vittime sono state uccise nelle campagne attorno alle città di Osh e Jalalabad, e che "in conformità con i costumi locali, sono state sepolte prima del tramontare del giorno". È quindi "difficile calcolare al momento il reale numero di uccisi" negli scontri interetnici fra kirghizi e uzbeki.

SDA-ATS