Gli economisti interpellati dal Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) nell'ambito dell'indagine trimestrale "Consensus Forecast" ritengono che l'economia elvetica continuerà a crescere vigorosamente, ma hanno ridotto le loro stime sul prodotto interno lordo (Pil): esso dovrebbe aumentare dell'1,8% quest'anno e dell'1,9% nel 2015.

Già in giugno le previsioni per il 2015 erano state abbassate dal 2,3% al 2,2%. Quelle per il 2014 erano invece state mantenute al 2,1%.

I 15 esperti interrogati a inizio settembre hanno anche fortemente tagliato le stime riguardanti le esportazioni, dal 4,2 al 3,6% quest'anno e dal 4,7 al 4,2% per il 2015, si legge in un comunicato odierno. Lo stesso discorso vale per gli investimenti nella costruzione e nei beni d'equipaggiamento, dal 3,4 al 2,7% nel 2014 e dal 3,1 al 2,6%.

Quanto al mercato del lavoro, gli economisti si attendono un tasso di disoccupazione del 3,2% sia per quest'anno (dato invariato) che per il prossimo (contro il 3,1% previsto a giugno). Infine l'inflazione dovrebbe attestarsi allo 0,1% nel 2014 (come predetto tre mesi fa) e allo 0,5% nel 2015 (0,6% in precedenza).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.