Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei prossimi mesi la congiuntura economica in Svizzera dovrebbe migliorare lentamente. Dopo essere calato di 9 punti nei primi due mesi dell'anno, il barometro del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) segna in marzo 90,8 punti (+0,5).

Nonostante la situazione sia considerata in modo lievemente meno pessimistico, l'indicatore si è comunque stabilizzato ai livelli più bassi, si legge in un comunicato odierno. L'abolizione della soglia minima franco-euro aveva avuto un impatto considerevole sul barometro di febbraio (-6 punti a 90,3). A breve termine, l'evoluzione della congiuntura svizzera dovrebbe essere debole.

Il leggero aumento del barometro di marzo riflette un miglioramento degli indicatori legati al consumo interno, all'industria e all'economia di esportazione, rileva il KOF. In particolare, le prospettive sono leggermente migliorate nella metallurgia e nell'elettronica, mentre persiste il peggioramento del ramo della chimica. Il pessimismo sembra affiorare anche nell'edilizia e nel settore finanziario.

Secondo il KOF, le commesse in portafoglio, la produzione e l'impiego sono valutati in maniera più negativa rispetto al barometro precedente. L'umore è invece un po' migliorato per le scorte e i prodotti intermedi dei diversi settori di attività.

Per il KOF, una ripresa congiunturale non è prevista a breve termine. La settimana scorsa, l'istituto si era tuttavia mostrato un po' più ottimista per quanto riguarda le previsioni sull'andamento dell'economia svizzera nel 2015: da una contrazione dello 0,5% dopo l'abbandono della soglia minima franco-euro, si è passati a una crescita dello 0,2%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS