Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le conseguenze del franco forte cominciano a farsi sentire sull'economia svizzera. Il barometro del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) segna in febbraio 90,1 punti, in calo di 6 rispetto al mese precedente. Si tratta del maggiore peggioramento dal 2011.

Il barometro si trova anche nettamente sotto la media pluriennale, ma non così in basso come al momento dell'introduzione del cambio minimo con l'euro nell'estate 2011, si legge in un comunicato odierno. In dicembre le cifre parlavano ancora di 99 punti.

Il risultato si spiega con il cattivo umore generale dovuto proprio alla forza del franco. Quasi tutti i settori sono coinvolti, ma i più colpiti sono industria, edilizia e consumo interno.

In calo anche gli indicatori relativi alle attività strettamente legate alla congiuntura. Questo, secondo il KOF, perché le novità monetarie non influiscono più solo sull'umore delle aziende, ma cominciano anche ad avere effetti pratici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS