Navigation

KOF si aspetta un calo del Pil del 5,1%

Il direttore Jan-Egbert Sturm vede nero per quest'anno, ma il pessimismo è un po' diminuito. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2020 - 14:00
(Keystone-ATS)

Anche il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) rivede in senso leggermente meno pessimistico le sue previsioni per l'andamento dell'economia svizzera.

Il prodotto interno lordo dovrebbe scendere quest'anno del 5,1%, contro il -5,5% pronosticato un mese fa.

Nel 2021 il rimbalzo dovrebbe però essere più contenuto di quanto preventivato il 15 maggio, vale a dire +4,3% invece che +5,4%, si legge in un comunicato odierno. La crisi del coronavirus lascerà tracce profonde anche sul mercato del lavoro: la disoccupazione, che era del 2,3% l'anno scorso, dovrebbe salire al 3,6% nel 2020 e al 4,6% nel 2021.

Il KOF basa le sue previsioni tra l'altro su un sondaggio presso oltre 3000 aziende. Secondo questo rilevamento, tre imprese su quattro in Svizzera prevedono un calo del fatturato per l'anno in corso; in media è attesa una contrazione di un quinto. Per un decimo delle aziende le conseguenze della crisi sono talmente gravi da considerare minacciata la loro stessa esistenza.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.