Navigation

Kosovo: 21 soldati Swisscoy nella zona di crisi

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2011 - 15:06
(Keystone-ATS)

Nella zona di crisi del nord del Kosovo sono dispiegati 21 soldati svizzeri del contingente Swisscoy. Oggi i due valichi di frontiera al confine con la Serbia sono stati sorvolati da un elicottero elvetico a bordo del quale viaggiava il comandante della forza internazionale Kfor, generale Erhard Buhler.

"Nessun soldato svizzero è stato coinvolto in sparatorie o in altre situazioni precarie", ha affermato oggi all'ats il portavoce della Swisscoy François Furer. La Svizzera è presente in Kosovo dal 1999. Attualmente sono impiegati 202 soldati e 14 soldatesse, la maggior parte dei quali di stanza del sud del paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?