Un tribunale di Eulex, la missione europea in Kosovo, ha assolto oggi per seconda volta dall'accusa di crimini di guerra Fatmir Limaj, un ex comandante dell'Esercito di liberazione del Kosovo (Uck). Con lui sono stati prosciolti altri cinque imputati.

Limaj, attualmente deputato al parlamento di Pristina e vicepresidente del Partito democratico del Kosovo (Pdk) del premier Hashim Thaci, era già stato assolto nel maggio 2012 in un primo processo - segnato dalla scomparsa e dalla morte di diversi testimoni - ma la sentenza era stata annullata dalla Corte suprema del Kosovo che aveva ordinato un nuovo processo.

Le accuse si riferiscono alle uccisioni e alle torture ai danni di civili in massima parte serbi in un lager presso il villaggio di Klecka, durante il conflitto del 1998-1999.

Proteste contro Eulex per la nuova assoluzione sono giunte dai parenti delle vittime serbe della guerra in Kosovo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.