Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel nord del Kosovo alcuni gruppi di persone contrarie alle elezioni municipali di oggi ostacolano le operazioni ai seggi e non consentono agli elettori di esprimere liberamente il diritto di voto. A denunciare l'azione di chi è schierato per il boicottaggio del voto - si tratta di estremisti nazionalisti sia di etnia serba che albanese - sono stati in parecchi, compreso il presidente della commissione elettorale Valdete Daka, secondo cui azioni di disturbo vengono effettuate anche nei confronti del personale in servizio ai seggi. Di ciò, ha detto Daka, sono stati informati polizia, Ue e Osce.

Secondo i media a Belgrado, intorno ad alcuni seggi nella parte nord (serba) di Kosovska Mitrovica i sostenitori del boicottaggio del voto offendono e minacciano quelli che si recano votare.

Le operazioni di voto in tutto il Kosovo sono cominciate alle 7 (stessa ora svizzera), in alcuni casi i seggi si sono aperti con un un po' di ritardo per problemi tecnici. La polizia ha arrestato in un seggio di Batlava tre persone spacciatesi per scrutatori, che avevano falsificato i tesserini di riconoscimento. I seggi chiuderanno alle 19 e i primi risultati parziali si avranno in nottata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS