Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il treno della discordia.

KEYSTONE/AP/DARKO VOJINOVIC

(sda-ats)

Il treno della discordia partito stamane da Belgrado per Kosovska Mitrovica e fermo dalle 16.30 a Raska, a ridosso del confine del Kosovo, ripartirà in serata per Belgrado. Ne dà notizia l'agenzia Tanjug.

I passeggeri diretti a Kosovska Mitrovica proseguiranno in autobus, mentre gli altri - esponenti politici e funzionari serbi sul convoglio per il viaggio inaugurale dopo 18 anni di interruzione - faranno ritorno nella capitale.

Il ritorno del convoglio a Belgrado è stato deciso dopo le dichiarazioni del premier serbo Aleksandar Vucic, che ha detto di essere stato lui stesso a decidere di fermare il treno a Raska per evitare scontri e incidenti.

In precedenza il presidente kosovaro Hashim Thaci aveva dato ordine di fermare e impedire con mezzi legali l'ingresso in Kosovo del treno. Come riferiscono i media a Pristina, Thaci ritiene che il convoglio serbo non possa entrare in Kosovo poiché è munito di "inammissibili contrassegni nazionalistici", cosa contraria alle leggi e alla costituzione del Kosovo.

Il convoglio mostra la bandiera serba e la scritta "Il Kosovo è Serbia" in 21 lingue. A bordo del treno, ha osservato Thaci, vi sono inoltre esponenti serbi ai quali non è stato rilasciato il permesso di entrare in Kosovo.

La Serbia non riconosce l'indipendenza proclamata dal Kosovo il 17 febbraio 2008.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS