Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PRISTINA - È stato di 12 feriti, fra i quali anche cinque militari della Kfor, la Forza Nato in Kosovo, il bilancio dei violenti scontri della notte scorsa fra la popolazione serba e albanese di Kosovska Mitrovica, la città del nord del Kosovo divisa in due dal fiume Ibar.
I portavoce locali hanno riferito che negli incidenti, avvenuti dopo la sconfitta (82 a 83) in semifinale della nazionale serba di basket ad opera dei padroni di casa della Turchia ai mondiali di pallacanestro, hanno riportato ferite di varia natura cinque civili tutti serbi, un poliziotto della missione europea Eulex, un agente della polizia kosovara e cinque militari della Kfor, la Forza Nato in Kosovo. Nessuno di loro tuttavia, è stato precisato, è in gravi condizioni.
Ad accendere gli animi e a far salire la tensione fra le due comunità contrapposte è stata anche la vittoria, sempre la notte scorsa, del serbo Novak Djokovic sul basilese Roger Federer alle semifinali degli Us Open.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS