Navigation

Kosovo: NATO continuerà a difendersi, appello moderazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2011 - 18:52
(Keystone-ATS)

La NATO "continuerà a difendersi" in Kosovo, pur facendo come sempre ricorso al minimo di forza necessaria. Lo ha detto il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, in un incontro stampa. Rasmussen ha lanciato un appello a kosovari e serbi per "evitare azioni unilaterali che possano infiammare la situazione".

La situazione del Kosovo è stata aggiunta nell'agenda dei lavori della ministeriale Difesa Nato di mercoledì e giovedì prossimi a Bruxelles, alla luce dei recenti episodi di violenza ai posti di confine nel nord del Paese, dove la popolazione è prevalentemente serba.

"La nostra forza Kfor è stata dispiegata per mantenere la sicurezza di tutti i cittadini del Kosovo, indipendentemente dalla loro etnia", ha detto Rasmussen. "Noi continueremo a farlo, in modo fermo, attento e imparziale, nel pieno rispetto del mandato Onu".

"Le forze Nato usano sempre il minimo di forza necessaria, ma hanno diritto alla loro auto-difesa", ha precisato Rasmussen. Lo scorso 27 settembre la Kfor è intervenuta per togliere le barricate e isolare estremisti serbi. La Kfor dispone attualmente di circa 5400 uomini. In agosto la Nato ha deciso di dispiegare in Germania un plotone di riserva di altri 600 soldati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?