Navigation

Kosovo: riunione straordinaria del parlamento serbo

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2011 - 20:06
(Keystone-ATS)

Riunione straordinaria del parlamento serbo oggi a Belgrado per discutere della situazione nel Kosovo del nord, dove vive la minoranza serba e teatro da giorni di incidenti dopo la decisione delle autorità kosovare di bloccare l'import di merci dalla Serbia. Lo riferisce l'agenzia Beta.

Alla riunione ha partecipato il presidente Boris Tadic e tutto il governo capitanato dal premier Mirko Cvetkovic. È in preparazione una dichiarazione in cui il parlamento "chiederà al governo di difendere gli interessi della repubblica di Serbia e del popolo del Kosovo fino a che sia trovata una soluzione", secondo un testo pubblicato sul sito del parlamento.

La situazione sul terreno resta oggi in fase di stallo dopo che ieri serbi kosovari avevano bloccato un convoglio della Kfor che si stava dirigendo verso uno dei valichi di confine al centro dello scontro. Oggi pattuglie della Kfor hanno verificato che i blocchi erano ancora in atto.

La crisi è esplosa lunedì quanto Pristina ha inviato ai due valichi nel nord del Kosovo unità speciali per assicurarsi che l'embargo venisse rispettato, cosa che ha provocato la reazione serba. Attualmente i due posti di confine sono controllati dalla Kfor che li ha di fatto bloccati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo