Navigation

Kosovo: stampa, Nato contraria a esercito Pristina

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2013 - 19:51
(Keystone-ATS)

La Nato è contraria alla prospettiva che il Kosovo si doti un proprio esercito. Lo hanno detto al quotidiano di Pristina 'Koha Ditore' fonti dell'Alleanza, precisando che l'ostacolo in questo senso è costituito dai quattro Paesi della Nato che non hanno riconosciuto l'indipendenza del Kosovo (Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia).

Pristina, scrive il giornale, potrà decidere di trasformare in un vero e proprio esercito le proprie Forze di sicurezza (Ksf), ma alla Nato ciò non piacerà di certo. Anche se, hanno osservato le fonti, l'Alleanza atlantica sta esaminando una possibile via d'uscita alla situazione attuale, dal momento che la Nato non potrà restare in Kosovo per sempre.

La dirigenza di Pristina ha detto nei mesi scorsi di voler trasformare la Ksf in un vero e proprio esercito entro quest'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.