Navigation

Kosovo: violenti scontri a confine Serbia, feriti e arresti

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2012 - 19:27
(Keystone-ATS)

Violenti scontri fra polizia e manifestanti kosovari albanesi ostili alla Serbia, con decine di feriti e arresti, sono avvenuti nel pomeriggio nel nord del Kosovo, in corrispondenza del posto di confine serbo di Merdare, dove centinaia di attivisti del movimento radicale albanese "Autodeterminazione", con militanti di rinforzo dall'Albania, hanno cercato di impedire l'ingresso in Kosovo di camion carichi di merci serbe.

Poche ore prima i Serbi, che da mesi nel nord del Kosovo presidiano le barricate a ridosso della frontiera con la Serbia, avevano festeggiato il Capodanno ortodosso.

Una contrapposizione emblematica della difficile situazione politica e sociale, che continua a paralizzare il Kosovo, prigioniero del muro contro muro fra la componente albanese, maggioritaria, e quella serba, minoritaria ma prevalente nel nord.

Il bilancio provvisorio degli scontri è di 18 manifestanti e 13 poliziotti feriti e di 42 dimostranti arrestati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?