Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A Kosovska Mitrovica, la città del nord del Kosovo divisa in due in un settore serbo e in uno albanese, si vota nuovamente oggi per le elezioni legislative a causa dei brogli e delle irregolarità registrati nel voto nazionale del 12 dicembre scorso.

Per le stesse ragioni il voto era stato ripetuto il 9 gennaio scorso in altre cinque località. La Corte suprema kosovara, qualche giorno prima del 9 gennaio, aveva deliberato la ripetizione del voto anche a Mitrovica, che è rimasta così stralciata dal resto dei Comuni dove si è tornati alle urne.

Al voto odierno sono chiamati poco più di 86 mila elettori, 15 mila dei quali serbi che abitano la parte nord di Mitrovica, mentre il settore sud è popolato dai kosovari di etnia albanese.

Come avvenuto in dicembre, anche oggi è atteso un massiccio boicottaggio da parte degli elettori serbi, che non riconoscono l'autorità di Pristina.

Apertesi alle 07:00, le urne chiuderanno alle 19:00. I risultati non dovrebbero cambiare l'esito delle legislative che, sulla base anche della ripetizione del voto del 9 gennaio, vede in testa il Partito democratico del Kosovo (Pdk) del premier Hashim Thaci con il 32%, seguito dalla Lega democratica del Kosovo (Ldk) del sindaco di Pristina Isa Mustafa con il 24,7%.

Le operazioni di voto nei circa cento seggi di Kosovska Mitrovica sono monitorate da gruppi di osservatori sia nazionali sia internazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS