Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Kuoni Group è scivolata nelle cifre rosse nel terzo trimestre: il gruppo ha registrato una perdita netta di 121,2 milioni di franchi, contro un utile di 66,5 milioni l'anno prima.

Tenendo conto solo delle attività mantenute risulta però un utile netto di 7,8 milioni di franchi, contro 30,3 milioni nel luglio-settembre 2014. La società annuncia un nuovo CEO e una ristrutturazione che comporta il taglio di 350 impieghi.

Il fatturato del gruppo nel trimestre in rassegna è rimasto praticamente invariato a 1,056 miliardi di franchi (1,055 miliardi nel 2014), precisa in un comunicato Kuoni che in settembre ha finalizzato la vendita delle sue attività di tour operator in Europa. A livello organico la crescita è stata dell'8%. L'utile operativo EBIT intanto è diminuito da 37,3 a 19 milioni.

Dopo nove mesi, Kuoni ha registrato una perdita netta di 293 milioni di franchi, contro un risultato positivo di 52,5 milioni nel 2014. Con le sole attività proseguite ha realizzato un utile di 12 milioni, contro 56,6 nello stesso periodo dell'anno scorso. Il fatturato è stato di 2,56 miliardi di franchi, una cifra stabile rispetto al periodo corrispondente dello scorso anno.

La società, fortemente ridimensionata, si considera sulla giusta via con la nuova strategia. Complessivamente, le cifre del terzo trimestre confermano il nuovo orientamento di Kuoni Group, si sostiene nella nota.

Mentre il comparto Global Travel Distribution (GTD), con cui Kuoni funge da grossista e fornitore di pernottamenti e altri servizi per operatori del ramo, e l'unità più piccola del gruppo, VFS Global, che si occupa di visti d'ingresso hanno accresciuto le vendite e l'EBIT nel terzo trimestre, Global Travel Services (GTS), che organizza viaggi di gruppo e offre nei luoghi di destinazione servizi relativi ad alloggio, trasporti, escursioni, attività e manifestazioni, continua a pesare sugli affari - soprattutto a causa della debole domanda giapponese - e verrà ampiamente ristrutturata.

Sono previsti diversi trasferimenti di siti e la soppressione di circa 350 impieghi a tempo pieno, in parte mediante fluttuazioni naturali, in parte mediante licenziamenti. Il programma dovrebbe permettere di comprimere la base dei costi di oltre 30 milioni di franchi.

Nel contempo, Kuoni Group ha annunciato cambiamenti nella direzione: l'attuale presidente Peter Meier viene sostituito con effetto immediato da Zubin Karkaria, finora a capo di VFS Global. Prisca Havranek-Kosicek è la nuova responsabile delle finanze. Anche la composizione del Consiglio d'amministrazione verrà adeguata: alla prossima assemblea generale l'organo sarà ridimensionato da sette a sei membri.

Per l'intero 2015 Kuoni si attende un utile operativo EBIT aggiustato di almeno 50 milioni di franchi, più di quanto comunicato finora. I costi di riorganizzazione di GTS (15 milioni) e spese legate alla riduzione di alcune funzioni peseranno però sui risultati per 20 milioni. Tenendo conto dei fattori eccezionali l'EBIT dovrebbe attestarsi ad almeno 11 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS