Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'ambasciata libica a Berna con gli insorti

L'ambasciata di Libia a Berna ha annunciato di aver rotto ogni rapporto con il regime del colonnello Gheddafi: da questo momento tutto il personale della missione diplomatica appoggia la rivoluzione popolare e passa a sostenere il Consiglio nazionale di transizione.

L'uso della violenza e la pratica della tortura, così come le informazioni secondo cui il regime del colonnello impiegherebbe mercenari contro il popolo libico, ha spinto il personale dell'ambasciata a compiere questo passo, si legge in un comunicato inviato a "Swissinfo.ch", di cui l'ATS ha potuto prendere visione.

"I membri dell'ambasciata non hanno più alcun legame con il regime di Muammar Gheddafi", si afferma nel comunicato. Essi invitano inoltre la comunità internazionale a riconoscere il Consiglio nazionale di transizione libico, sull'esempio della Francia.

Secondo fonti diplomatiche citate da "Swissinfo.ch", il Dipartimento federale degli affari esteri sarebbe al corrente della decisione. L'ambasciata libica a Ginevra aveva già compiuto identica scelta lo scorso 25 febbraio.

Intanto il Consiglio federale mette a disposizione 12 milioni di franchi e prevede l'impiego di 14 persone del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) per sostenere attivamente il processo di transizione in Nordafrica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.