Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale a Sarnen

KEYSTONE/URS FLUEELER

(sda-ats)

Nel secondo giorno della tradizionale gita annuale, il Consiglio federale ha fatto tappa a Emmenbrücke (LU) e ad Alpnach (OW) prima di giungere a Sarnen, capoluogo del canton Obvaldo.

La giornata è stata dedicata alla circolazione stradale in Svizzera e al promovimento della pace a livello internazionale, precisa una nota odierna della Cancelleria federale.

Stamane a Emmenbrücke i ministri e il cancelliere della Confederazione hanno visitato la centrale nazionale dell'Ufficio federale delle strade (USTRA), dove viene controllata la situazione del traffico sull'intera rete autostradale svizzera.

Poi, assieme al governo cantonale lucernese, l'esecutivo federale si è recato da Lucerna ad Alpnach a bordo del catamarano Cirrus, prima imbarcazione del genere ad uso commerciale su un lago svizzero nel 2009, considerato in passato un veicolo pionieristico.

All'aerodromo di Alpnach, il Centro di competenze dell'esercito svizzero per le missioni all'estero (SWISSINT) ha presentato i vari corsi d'istruzione per gli interventi di promovimento della pace. Durante il pranzo nel ristorante dell'aerodromo, il collegio governativo ha incontrato membri dell'esercito e futuri osservatori militari internazionali.

Poco dopo le 14.00 i consiglieri federali - escluso il ministro Ueli Maurer, partito per partecipare al vertice del G20 ad Amburgo - sono arrivati a piedi nella vicina Sarnen. Qui la gita annuale si è conclusa con un incontro con la popolazione e un aperitivo cui ha partecipato anche il Consiglio di Stato obvaldese.

Ieri l'esecutivo federale aveva trascorso la giornata nel canton Argovia, patria della presidente della Confederazione Doris Leuthard, che tramite il marito ha anche la cittadinanza di Sarnen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS