Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'estate astronomica, in questo torrido 21 giugno, è iniziata registrando temperature elevate in tutta la Svizzera.

KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

(sda-ats)

L'estate astronomica, in questo torrido 21 giugno, è iniziata registrando temperature elevate in tutta la Svizzera. L'ondata di calore proseguirà anche nei prossimi giorni, ma il picco è previsto per domani.

Stando alle rilevazioni di MeteoNews, in Vallese oggi si sono registrati 34 gradi a Sion e Visp. Il grande caldo è arrivato anche in pianura, superando i 30 gradi in quasi tutto il Paese: 33,3 gradi a Coira (GR), 32,1 a Payerne (VD) e 32 a Courtelary (BE).

Le temperature rimarranno al di sopra dei trenta gradi fino alla fine del week-end, annuncia MeteoNews. La tendenza a temporali aumenterà all'inizio della prossima settimana, ma persisteranno la siccità e il rischio di incendi.

Già dopo la calda giornata di ieri, ha fatto seguito una notte tropicale in cui la colonnina di mercurio non è mai scesa sotto i 20 gradi in diverse zone della Svizzera. Nel sud del Ticino questa soglia è già stata registrata a fine maggio.

La torrida notte, secondo i dati raccolti da MeteoSvizzera, è stata rilevata nelle stazioni di Locarno-Monti (21,1 gradi), Lucerna (21,8), Vevey (VD/21,7), Neuchâtel (20,7) Basilea (20,6) e San Gallo (20,9). È la prima volta quest'anno che si registra una notte tropicale su larga scala, ha dichiarato oggi all'ats Nicola Möckli del centro meteorologico.

Nella notte tra venerdì e sabato ci si aspettano altre notti bollenti anche lungo l'Altopiano, ha indicato MeteoSvizzera.

A causa del caldo torrido il comune di Berna ha invitato oggi la popolazione a non accendere fuochi all'aperto. Nei boschi si consiglia inoltre di fare attenzione ai mozziconi di sigaretta che potrebbero causare incendi, avverte in una nota odierna il servizio forestale. Nel cantone di Berna il rischio di incendi boschivi riguarda soprattutto la parte nord, mentre nell'Oberland il pericolo è relativamente moderato.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) avverte in una nota odierna che in caso di temperature elevate alcuni gruppi di popolazione sono più a rischio e necessitano di un'attenzione particolare. Tra questi rientrano le persone anziane, i malati cronici, le donne in stato di gravidanza e i bambini piccoli.

In caso di stress da caldo si possono manifestare diversi sintomi tra cui mal di testa, pulsazioni accelerate, vertigini, crampi muscolari, nausea e disturbi del sonno, si legge nel comunicato.

Nel caso in cui dovessero apparire questi sintomi, si consiglia di far sdraiare la persona interessata e rinfrescare il corpo. Darle da bere nel caso in cui sia cosciente. Se queste misure risultano inefficaci, richiedere l'intervento di un medico.

Per proteggersi dal caldo torrido l'UFSP raccomanda inoltre di evitare sforzi fisici nelle ore più calde della giornata, bere molta acqua (almeno 1,5 litri al giorno), consumare cibi freddi e rinfrescanti nonché integrare la perdita di sali minerali durante e al termine dell'attività fisica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS