Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - I fautori della reintroduzione della pena di morte hanno tempo fino al 24 febbraio 2012 per raccogliere le 100'000 firme necessarie alla riuscita della loro iniziativa. Queste testo, molto controverso, ha superato l'esame formale da parte della Cancelleria federale.
L'iniziativa popolare federale "Pena di morte in caso di assassinio in concorso con abusi sessuali" chiede la pena capitale per chiunque commetta un omicidio o un assassinio in relazione con un atto sessuale con fanciulli, coazione sessuale o stupro. Secondo le intenzioni del promotore principale Marcel Graf, le persone all'origine del progetto non fanno parte di un movimento politico, ma sono parenti o conoscenti di una vittima.
La Cancelleria federale, che ha pubblicato stamani i risultati del suo esame preliminare, si è limitata per il momento a pronunciarsi sugli aspetti formali. "La lista delle firme è conforme alle esigenze della legge", si legge nel Foglio federale.
L'Assemblea federale si pronuncerà sulla validità dell'iniziativa soltanto quando quest'ultima sarà riuscita. Potrà invalidare il testo se dovesse ritenere che lo stesso violi i diritti internazionali imperativi.
A parte il fatto che la reintroduzione della pena di morte è ampiamente contestata, anche il metodo d'esame di un'iniziativa suscita reazioni. Dopo i progetti popolari sull'internamento a vita dei delinquenti sessuomani e il divieto dei minareti, la Svizzera si trova nuovamente davanti al dilemma di dover rispettare parallelamente i diritti popolari, quelli fondamentali e i propri impegni internazionali.
L'esame del contenuto dell'iniziativa - ha criticato il professore di diritto pubblico Georg Müller - interviene troppo tardi. Quando 100'000 persone hanno firmato un testo, la pressione sul parlamento è troppo grande per indurre le Camere a dichiararlo nullo. Se la pena di morte non è contraria ai diritti internazionali, essa viola invece la Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che la abolisce in modo esplicito.
Con la ratifica, nel 1987, del protocollo 6 e, nel 2002, del protocollo 13 della CEDU, la Svizzera si è impegnata a rinunciare alla pena capitale in tempo di pace come di guerra. Il nostro paese aveva già abolito la pena di morte nel 1874. Tuttavia, cinque anni dopo, venne approvata un'iniziativa popolare che ne chiedeva la reintroduzione.
Nel 1942, il Codice penale abolì definitivamente la pena di morte nel diritto civile. L'ultima esecuzione risale al 1940. Il Codice penale militare ha conservato fino al 1992 la possibilità di applicare la pena di morte in tempo di guerra in caso di crimini quali il tradimento, l'impegno in favore del nemico, l'omicidio o il saccheggio.
Nel 1985, fu lanciata un'iniziativa per la reintroduzione della pena di morte per i trafficanti di droga. Tuttavia, i promotori non erano riusciti a raccogliere in tempo utile il numero di firme necessarie.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS