Tutte le notizie in breve

Scene di panico oggi al parlamento di Teheran.

KEYSTONE/EPA FARS NEWS AGENCY/OMID WAHABZADEH

(sda-ats)

Un'azione coordinata e clamorosa. Attentati erano stati sventati meno di un mese fa, alla vigilia delle elezioni presidenziali, e altri gruppi di terroristi erano stati smantellati nell'arco degli ultimi mesi.

Ma questa volta l'Isis, il nemico numero uno di Teheran, è riuscito a sfondare la porta e a colpire due luoghi simbolo della Repubblica islamica: il Parlamento e il mausoleo dell'imam Khomeini, tra i siti più sacri per gli sciiti, non solo iraniani.

L'attacco - il primo del sedicente Stato islamico su territorio iraniano - è arrivato a sorpresa questa mattina, quando un primo gruppo di quattro terroristi ha fatto irruzione in Parlamento, senza tuttavia riuscire a raggiungere l'aula dove era in corso una seduta. Prima gli spari, con feriti e primi morti nei corridoi del palazzo, poi uno di loro si è fatto esplodere dopo aver raggiunto il quarto piano dell'edificio.

Subito dopo un altro attacco è avvenuto nella zona sud di Teheran, nel mausoleo nel quale è sepolto Khomeini con il figlio e, dal gennaio scorso, anche Akbar Hashemi Rafsanjani. Anche in questo caso i terroristi sono entrati in azione con kalashnikov e pistole, sparando sui pellegrini che a quell'ora non erano molto numerosi. E anche in questo caso è entrato in azione un kamikaze che, secondo gli investigatori, potrebbe essere una donna. Ma la conferma non c'è ancora stata, anche perché il ministero dell'Interno ha riferito che alcuni terroristi erano vestiti da donne, probabilmente per nascondere meglio le armi sotto il chador.

Secondo quanto riferito dal ministro dell'Intelligence, Mohammad Alavi, altri gruppi di terroristi stavano per entrare in azione ma sono stati scoperti e bloccati dalle forze di sicurezza. Proprio le forze di sicurezza, con i Pasdaran in prima fila, sono intervenute immediatamente per bloccare gli attacchi.

Tra i corridoi e le stanze del Parlamento si è scatenata una vera battaglia, come dimostra anche un video diffuso dall'agenzia Amaq assieme alla rivendicazione dell'Isis. Si è parlato in un primo momento di una presa di ostaggi. Ma alla fine le forze di sicurezza sono riuscite a incastrare i terroristi e a ucciderli tutti. Il bilancio finale, in ogni caso, è stato pesante, con 12 morti già dichiarati "martiri vittime del terrorismo", 42 feriti, di cui molti gravi, e sette terroristi uccisi.

In tutta questa tragica situazione, però, il Parlamento ha voluto dare una prova importante: a porte chiuse, e incurante degli spari, la seduta è andata avanti, presieduta da Ali Larijani. Come dire che l'Iran e le sue istituzioni non hanno alcuna intenzione di piegarsi al terrore. E tra i banchi, mentre si udivano i colpi, molti deputati hanno lanciato slogan contro l'America e l'Arabia Saudita, ritenuti sponsor dell'Isis e degli attacchi.

Anche il presidente Hassan Rohani è intervenuto in serata su quanto avvenuto, affermando che "gli attacchi a Teheran renderanno l'Iran più unito e determinato nella lotta contro il terrorismo" e "la nazione iraniana sconfiggerà tutti i piani nemici con l'unità".

Intanto il Corpo dei Guardiani della Rivoluzione islamica ha voluto ricordare che l'attacco in Iran "è avvenuto solo una settimana dopo l'incontro tra il presidente Trump e gli alleati nella regione" e il "coinvolgimento dell'Isis mostra le loro responsabilità". Una situazione che, promettono i Pasdaran, sarà seguita da una "vendetta per il sangue versato".

Per ora a Teheran e nell'intero Paese vige lo stato di emergenza. Il clima è teso e, per qualcuno, ricorda i lontani tempi dell'invasione da parte dell'Iraq di Saddam Hussein. Era infatti da allora che l'Iran non subiva più attacchi dall'esterno. Come se un'ombra fosse improvvisamente riapparsa.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve