Navigation

L'universo è un po' più giovane del previsto

I ricercatori si sono basati sui dati raccolti dal telescopio spaziale della Nasa Spitzer (nell'immagine un suo disegno). Keystone/EPA PA/NASA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2020 - 16:05
(Keystone-ATS)

L'universo è un po' più giovane del previsto: ha 12,5 miliardi di anni, circa un miliardo in meno di quanto si pensasse. La nuova stima arriva dai calcoli basati sul movimento di 50 galassie.

Pubblicato sull'"Astronomical Journal", il risultato si deve ai fisici guidati da James Schombert, dell'Università dell'Oregon (Usa).

Finora i metodi usati per calcolare l'età dell'universo si sono basati sulla costante di Hubble, che stima il tasso di espansione dell'universo, e sulle osservazioni dell'eco del Big Bang, ossia la radiazione cosmica di fondo. Tuttavia, rileva Schombert, questi metodi raggiungono conclusioni diverse.

I metodi basati sulla costante di Hubble stimano un'età dell'universo compresa tra 12 e 14,5 miliardi di anni, mentre i calcoli tratti dalla radiazione cosmica di fondo osservata della sonda Wilkinson Microwave Anisotropy Probe (WMAP) stimano un'età di 13,77 miliardi di anni.

Il nuovo metodo proposto dai ricercatori mette in relazione la distanza fra le galassie. "Il problema della scala delle distanze, come è noto, è incredibilmente difficile perché le distanze dalle galassie sono enormi e le indicazioni per le loro distanze sono deboli e difficili da calibrare", ha detto Schombert.

Il gruppo ha superato il problema misurando in modo accurato le distanze di 50 galassie grazie ai dati del telescopio spaziale della Nasa Spitzer. Queste misure sono state quindi usate come riferimento per misurare le distanze di altre 95 galassie.

L'universo, osserva Schombert, è governato da una serie di schemi matematici espressi in equazioni. Il nuovo approccio, rileva l'esperto, spiega in modo più accurato i movimenti delle galassie e trasforma questi dati in equazioni che poi vengono usate per calcolare l'età dell'universo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.