Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Piombo nelle ali oggi per la Borsa svizzera, costretta a volare a bassa quota dalla raffica di realizzi di guadagno che sono seguiti ai recenti rialzi: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8300,12 punti (-0,61% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,60% a 7898,42 punti.

Tra le società quotate allo SMI, in positivo figura Swiss Re (+0,36% a 82,50 franchi), che - sulla scia dell'annuncio di un'acquisizione in Brasile - si è mossa meglio di Zurich (-1,42% a 256,30 franchi). Poco tonici sono apparsi i bancari UBS (-1,47% a 16,77 franchi) e Credit Suisse (-0,87% a 26,20 franchi), mentre è avanzata Julius Bär (+0,22% a 41,94 franchi), che ha comunicato l'acquisto di WMPartners.

L'offuscamento delle prospettive congiunturali mondiali non ha aiutato i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura quali ABB (-1,16% a 23,08 franchi), Adecco (-1,93% a 68,70 franchi), Geberit (-0,63% a 268,30 franchi) e Holcim (-0,37% a 66,55 franchi), come pure, nel segmento del lusso, Swatch (-0,92% a 592,00 franchi) e Richemont (-0,81% a 92,40 franchi).

Fra i pesi massimi difensivi ha cercato di tirare il mercato Nestlé (+0,22% a 67,45 franchi), mentre Novartis (-0,63% a 71,45 franchi) e Roche (-1,17% a 253,90 franchi) sono stati trascinati dalla corrente generale. Pecora nera tra le blue chip è Actelion (-2,16% a 74,80 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS