Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La California brucia ancora

KEYSTONE/EPA/DAVID MCNEW

(sda-ats)

La California continua a bruciare.

Mentre i vigili del fuoco sono riusciti a contenere per il 51% gli incendi divampati a nord, che formano il cosiddetto 'Carr Fire' e che hanno provocato 7 morti e distrutto più di 1.500 strutture, oltre 21 mila persone sono state evacuate dalle loro abitazioni che si trovano sulla scia delle fiamme lungo il fiume Elsinore, nella Orange County, nel sud dello Stato.

L'ordine di evacuazione è stato diramato mentre il 'fuoco sacro' (Holy Fire), come è stato ribattezzato in zona, continua ad avanzare. Il fronte di fuoco, uno dei tanti che ha colpito la California dal 27 luglio scorso, ha già distrutto quasi ottomila ettari di foresta a nord di San Diego.

Oltre al rogo che sta minacciando le abitazioni di Orange County, in tutto lo stato si contano altri 15 focolai. Il 'Carr Fire' si è propagato per 73 mila ettari e ha distrutto oltre mille case. Il rogo di Mendocino, il più vasto finora mai registrato in California, ha bruciato più di 120 mila ettari, impegnando almeno 4 mila vigili in prima linea. Secondo le autorità, questo incendio rischia di bruciare per tutto il mese. In tutto lo Stato, sono almeno 14 mila i pompieri impegnati a contenere le fiamme.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS