Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La Confederazione inasprisce sanzioni contro Birmania

Il Consiglio federale ha deciso di inasprire le sanzioni nei confronti della Birmania - o Myanmar - a causa della sistematica violazione dei diritti dell'uomo.

Le nuove disposizioni, in vigore già da subito, si allineano con le misure già annunciate dall'Ue il 26 aprile e il 25 giugno scorsi.

Il Consiglio federale ha rafforzato l'embargo sui beni d'armamento militare e quelli che potrebbero essere utilizzati a fini di repressione, indica in una nota odierna la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Sono anche state vietati la vendita, la fornitura, l'esportazione e il transito di beni a duplice impiego (Dual-Use), così come gli equipaggiamenti di sorveglianza.

Nei confronti di sette membri di alto livello dell'esercito birmano, accusati di gravi violazioni dei diritti umani, sono inoltre state disposte sanzioni finanziarie e un divieto di ingresso e di transito nella Confederazione. Il Consiglio federale, precisa il comunicato, condanna le ripetute e gravi violazioni compiute dalle forze armate in Birmania e il deterioramento della situazione nel Paese.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.