Navigation

La Corea del Nord interrompe tutti i contatti con Seul

Kim Jong-un interrompe tutti i contatti con la Corea del Sud (foto diffusa dal governo nordcoreano) KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2020 - 21:08
(Keystone-ATS)

Alcuni attivisti nei giorni scorsi sono riusciti a far arrivare dei volantini con testi anti-Pyongyang dalla Corea del Sud a quella del Nord. E l'ira di Kim Jong-un non si è fatta attendere.

Le autorità nordcoreane hanno annunciato che a partire dalla mattina di martedì sono stati interrotti tutti i collegamenti politici e militari tra Corea del Nord e la "nemica" Corea del Sud. Anche la linea diretta tra i leader delle due Nazioni è stata chiusa. Fino a nuovo ordine.

"Siamo giunti alla conclusione che non è necessario sedersi faccia a faccia con le autorità sudcoreane e non vi è alcun problema da discutere con loro, poiché hanno solo suscitato il nostro sgomento", ha affermato l'agenzia di stampa ufficiale nordcoreana Kcna.

In passato era già successo che nel nord arrivassero volantini anti-Pyongyang. I disertori della Corea del Nord rifugiatisi al sud occasionalmente liberano nel vento dei palloncini che trasportano oltre frontiera testi critici o di condanna del regime comunista nel Nord. Diversi osservatori si domandano quindi come mai questa volta ci sia stata una reazione così dura.

Secondo Laura Bicker, corrispondente da Seul di Bbc News, è possibile che l'attuale presa di posizione non riguardi solo i volantini, ma che faccia piuttosto parte di un piano più ampio di Pyongyang. La Corea del Nord potrebbe voler creare una crisi per poi usare la tensione come leva nelle discussioni successive.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.