Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un impianto ad energia solare

Keystone/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Se gli svizzeri avessero votato sulla Strategia energetica 2050 alla fine della settimana scorsa, il 56% l'avrebbero approvata, secondo il primo sondaggio Tamedia pubblicato oggi. In Ticino la percentuale di favorevoli sarebbe stata del 62%.

La revisione della Legge sull'energia, in votazione il 21 maggio, verrebbe accettata. Il 56% degli intervistati ha dichiarato di votare "sicuramente" o "tendenzialmente" a favore, il 42% invece è contrario e il 2% è incerto.

I risultati mettono in luce una netta separazione fra le regioni linguistiche: in Romandia i favorevoli sono il 69%, mentre nella Svizzera tedesca solo il 52%. I contrari francofoni sono il 27%, quelli di lingua tedesca ben il 46%. Nella Svizzera italiana il 62% degli intervistati sostiene la strategia energetica, il 33% invece intende bocciarla.

I "no" prevalgono fra gli elettori UDC e PLR, mentre i più convinti sostenitori sono i Verdi (95% "sì"). L'argomento che viene maggiormente evocato dai sostenitori della Strategia energetica è la convinzione che il futuro appartenga alle energie rinnovabili. Gli oppositori invece temono che la legge metta in pericolo l'approvvigionamento energetico della Svizzera. La questione di un possibile aumento dei costi è al secondo posto.

Il sondaggio Tamedia è stato realizzato dai politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen tra il 6 e 7 aprile. Sono state interrogate 11'154 persone di tutte le regioni linguistiche via internet. Il margine di errore è di +/- 1,4 punti percentuali.

Anche il sondaggio della SSR, effettuato il 30 e 31 marzo su un campione di 1203 persone, dava i sostenitori in vantaggio con il 61% di voti. Il 30% sarebbe invece contrario e il 9% ancora indeciso. Il margine d'errore è di +/- 2,9 punti percentuali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS