Navigation

La ritenuta d'imposta dell'UE è stata di 506 milioni nel 2011

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2012 - 12:19
(Keystone-ATS)

Lo scorso anno, il ricavo lordo in Svizzera della ritenuta di imposta sui redditi di interessi di contribuenti dell'Unione europea (UE) è ammontata a 506,5 milioni di franchi, contro i 432 milioni del 2010. Le dichiarazioni volontarie al fisco sono pure aumentate, da 38'000 nel 2010 a 47'000 nel 2011, ha reso noto stamani il Dipartimento federale delle finanze.

In virtù dell'accordo sulla fiscalità del risparmio con l'UE, in vigore dal 2005, la Svizzera preleva una ritenuta d'imposta del 20% sugli interessi versati ai contribuenti europei, ritenuta che è salita dal primo luglio 2011 al 35%, il massimo previsto.

Il 75% del gettito generato dalla ritenuta di imposta dell'UE, ossia 379,9 milioni, è riversato agli Stati membri di residenza dei beneficiari effettivi, mentre il 25%, pari a 113,9 milioni, rimane alla Confederazione. Quest'ultima ne ridistribuisce a sua volta il 10% (12,6 milioni) ai cantoni.

I contribuenti europei possono scegliere tra la ritenuta d'imposta applicata dalla Confederazione e la dichiarazione volontaria alle autorità fiscali dei rispettivi paesi d'origine degli interessi che hanno percepito in Svizzera. Questa seconda opzione è stata scelta lo scorso anno da 47'000 contribuenti, ossia 9000 in più del 2010.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?