Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La prestigiosa sede svizzera a Berlino

KEYSTONE/EPA/FELIPE TRUEBA

(sda-ats)

La rappresentanza svizzera ha celebrato oggi a Berlino i 150 anni di presenza in Germania. Alla cerimonia hanno preso parte il consigliere federale Ueli Maurer e la ministra della cultura tedesca Monika Grütters insieme a 1400 invitati.

La festa si è tenuta presso la residenza dell'ambasciatrice di Svizzera in Germania Christine Schraner Burgener, ha precisato il portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) all'ats. Tra gli invitati vi erano personalità del mondo politico, economico e culturale, tra cui l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger.

La presenza della rappresentanza svizzera a Berlino risale al 17 aprile 1867. All'epoca le autorità elvetiche avevano deciso provvisoriamente di creare una missione diplomatica svizzera a Berlino.

Questa rappresentanza ha una storia movimentata: è stata a Berlino sino la 1945 e dopo la guerra si è trasferita a Bonn. Dal 1957 al 1977 era a Colonia prima di ritornare a Bonn. Nel 1973, la Svizzera ha aperto anche un'ambasciata nella Repubblica democratica tedesca.

Dal 1999, l'ambasciata della Svizzera è a Berlino in un edificio acquistato dalle autorità elvetiche nel 1919. Dopo la seconda guerra mondiale si è trovata vicino al muro che divideva la città. Era una zona poco attraente, ma dopo la caduta del muro la sua posizione ha guadagnato notevolmente prestigio.

SDA-ATS