Continuano a rotolare le teste fra i Laburisti britannici dopo la batosta elettorale del 7 maggio. Oggi ha annunciato le sue dimissioni Jim Murphy, numero uno del partito in Scozia dove il Labour è stato spazzato via alle urne dalla valanga degli indipendentisti.

La formalizzazione del passo indietro, messo sul tavolo oggi a Edimburgo come irrevocabile, avverrà fra un mese. "Siamo stati sconfitti - ha detto Murphy - da due nazionalismi": quello dell'Snp in Scozia e quello dei Tory in Inghilterra.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.