Navigation

Lagarde, Covid non provocherà nuova crisi dell'euro

Nessun problema per l'euro: parola della presidente della Bce. KEYSTONE/EPA/OLIVIER HOSLET sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2020 - 11:00
(Keystone-ATS)

"No, la risposta è no". Lo ha detto la presidente della Banca centrale europea (Bce), Christine Lagarde, in risposta alla domanda se la pandemia, provocando un forte indebitamento di alcuni Stati, provocherà una nuova crisi finanziaria dell'Eurozona.

"Tutti i paesi nel mondo hanno dovuto rispondere aumentando il proprio debito"; ha detto Lagarde. "Si sono dovute prendere delle misure di bilancio, qualunque cosa succeda. L'uso del debito non solo è raccomandato, ma è la strada da seguire".

L'epidemia lascerà però pesanti segni sull'economia. "Avremo le nuove stime nel giro di pochi giorni, ma è molto probabile che lo scenario più favorevole sia ormai fuori portata e che la caduta del Pil sarà a metà strada fra lo scenario intermedio (-8%) e lo scenario più grave, che è un po' più di -12%", ha affermato Lagarde intervenendo allo European Youth Event 2020.

Il Pil "calerà più che durante la grande crisi finanziaria: la flessione fu fra -4 e -5%, ora sarà probabilmente il doppio. Dipenderà da quanto velocemente si esce dai confinamenti, dalla gradualità della ripresa, dai settori colpiti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.