Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Forze dell'ordine sul luogo della strage di ieri sera a Las Vegas.

KEYSTONE/AP/JOHN LOCHER

(sda-ats)

Il bilancio della sparatoria di Las Vegas si aggrava: al momento è di almeno 50 morti e 400 feriti. Lo riferisce la polizia.

Nella stanza di albergo dell'aggressore, Stephen Paddock, sono state trovate almeno otto pistole, aggiungono le forze dell'ordine, secondo le quali il killer si sarebbe tolto la vita prima del loro arrivo.

Eric, il fratello dell'autore della strage, ha intanto detto in un'intervista al Mail online che Stephen non aveva alcuna affiliazione politica o religiosa e "non c'era alcuna indicazione che potesse fare una cosa del genere". "Era uno normale. Qualcosa deve essere successo, deve aver perso la testa, siamo scioccati". Eric vive a Orlando, in Florida, e ha dichiarato che i contatti col fratello erano rari.

L'ultimo indirizzo di Stephen era invece a Mequite, in Nevada, Stato che ha una delle leggi meno restrittive degli Usa sulle armi. Le persone possono portarle ovunque e non devono registrarsi come possessori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS