Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Svizzera vi sono sempre più lavoratori, ma nel contempo anche più disoccupazione, in controtendenza rispetto a quanto avviene nell'UE, Italia esclusa. Stando ai dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), nel secondo trimestre erano occupate 4,90 milioni di persone, l'1,8% in più dello stesso periodo dell'anno precedente, una progressione dovuta largamente alla crescita della manodopera straniera (+5%).

Nello stesso tempo molti però non hanno più un impiego. Nello spazio di un anno i disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO) sono aumentati di 16'000 unità, toccando quota 208'000: il tasso è passato dal 4,2% al 4,4%, con punte che raggiungono il 7,7% fra i giovani (+0,7 punti in dodici mesi). A titolo di confronto la disoccupazione "ufficiale" elvetica - quella calcolata dall'UST e resa nota a scadenza mensile - ammontava in giugno al 2,9%.

L'evoluzione negativa vissuta in Svizzera è opposta a quella che sta avvenendo nel resto d'Europa: sull'arco di un anno nell'UE il tasso ILO è sceso dal 10,8 al 10,2%, mentre nell'Eurozona la contrazione è stata dal 11,9% all'11,4%. Anche la quota di disoccupazione giovanile risulta in diminuzione - contrariamente a quanto avviene nella Confederazione - sebbene continui a essere molto alta: 21,7% nell'Ue e 22,8% nella zona euro, con una punta del 41,5% per l'Italia.

Solo in Spagna e Grecia vi sono più giovani senza lavoro che nella Penisola: ma mentre in questi paesi la quota sta diminuendo, in Italia è aumentata rispetto allo stesso periodo del 2013. Il timore che in Ticino, per il dipendente locale, la pressione della concorrenza proveniente da sud aumenti ulteriormente è alimentato anche dal dato sulla disoccupazione totale italiana, salito al 12,3% (contro il 12,0% del secondo trimestre 2013) in controtendenza rispetto al resto del continente.

Tornando alla statistica elvetica, cattive notizie arrivano anche dai disoccupati di lunga durata, che ai sensi dell'ILO (un anno o più) sono passati da 65'000 a 78'000, con una quota salita dal 33,9 al 37,2%. La durata mediana di disoccupazione si fa sempre più lunga, passando da 216 a 239 giorni.

Mentre aumentano i senza lavoro, la Svizzera continua a importare manodopera: nel periodo in rassegna gli occupati stranieri sono infatti aumentati su base annua del 5,0%, salendo a 1,47 milioni, mentre la crescita dei lavoratori con passaporto elvetico si è limitata allo 0,5% a 3,44 milioni.

Tutte le categorie di manodopera estera presentano netti aumenti: i più numerosi sono i domiciliati (+5,2% a 715'000), seguiti da dimoranti (+5,3% a 389'000), frontalieri (+4,3% 285'000) e dimoranti di breve durata (+5,1% a 51'000).

Concentrando l'attenzione sui frontalieri, si nota che nel secondo trimestre il ritmo di progressione è leggermente aumentato in confronto al 4,1% (a 280'000) rilevato nei primi tre mesi dell'anno. Non sono ancora disponibili dati disaggregati cantonali: saranno pubblicati in un secondo tempo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS