Navigation

Lavrov: missione Ue in Libia non contraddica risoluzioni Onu

Il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov KEYSTONE/AP/Eduardo Verdugo sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 16:30
(Keystone-ATS)

La Russia "comprende pienamente la legittimità delle cause che spingono l'Italia a voler riportare ordine" in Libia e "a bloccare l'ingresso delle armi".

Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri Sergei Lavrov al termine del vertice Italia-Russia di Villa Madama, in riferimento alla missione di embargo delle armi in Libia decisa dall'Unione europea e esprimendo l'auspicio che si arrivi a una "soluzione veramente soddisfacente per tutti" rispettando le prerogative del Consiglio di sicurezza dell'Onu.

L'Italia, ha detto Lavrov, ha fornito una "dettagliata spiegazione" della missione che "potrebbe includere anche una missione terrestre" oltre alla componente aerea e navale. Lavrov ha poi sottolineato che "tutti i meccanismi della missione" devono essere concordati con il Consiglio di sicurezza dell'Onu e i "colleghi italiani", ha aggiunto, hanno dato rassicurazioni in questo senso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.