Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le Donne del partito liberale radicale (PLR) vogliono impegnarsi durante la prossima campagna elettorale per una forte partecipazione delle donne nella politica e nella società. Il motto della loro piattaforma è "Vivere, lavorare e far politica su un piede di parità".

Il documento mostra dove si deve agire. In particolare la Svizzera deve utilizzare pianamente il potenziale della sua popolazione e creare le condizioni quadro adeguate per ottenere una vera pari-opportunità e una libertà di scelta.

L'obiettivo di integrare uomini e donne nel miglior modo possibile nel mercato del lavoro è diventato ancora più urgente dopo l'adozione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, rilevano le donne liberali radicali in una nota diffusa al termine della loro assemblea generale tenutasi oggi a Berna.

Le buone intenzioni non bastano più per rimediare alla penuria di mano d'opera, ma focalizzare l'attenzione solo sull'integrazione delle donne nel mercato del lavoro non è neppure la buona soluzione. La politica deve invece creare le necessarie condizioni-quadro affinché ognuno abbia la possibilità di vivere la sua vita liberamente, hanno aggiunto.

Durante l'incontro Christa Markwalder, vice-presidente del Consiglio nazionale, Marianne Meister, candidata al Consiglio degli stati nel cantone di Soletta, e Roland A. Müller, direttore dell'Unione padronale svizzera, hanno dibattuto sulle sfide del mercato del lavoro e su come si possa impiegare al meglio il potenziale di mano d'opera nazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS