ROMA - Le migrazioni plasmano la forma delle ali delle farfalle rendendole più grandi ma anche più allungate e quindi più aerodinamiche. Lo ha scoperto uno studio americano coordinato da ricercatori dell'università della Georgia.
Sulla rivista Evolution gli studiosi hanno dimostrato che le farfalle monarca, note per lunghe migrazioni, hanno evoluto significativamente le loro ali rispetto alle cugine stazionarie in un modo che accresce l'abilità di volare e che ricorre anche in altre specie migratorie.
La scoperta, rilevano gli esperti, è coerente con precedenti studi sugli uccelli, i quali hanno dimostrato che questo fenomeno è presente anche negli uccelli migratori e che la migliore forma per lunghe migrazioni consiste in lunghe ali con una stretta punta che aiuta a ridurre la fatica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.