Le misure contro il littering, l'abbandono di rifiuti urbani invece metterli negli appositi raccoglitori, sembrano avere effetto. È perlomeno tale la percezione della popolazione svizzera secondo un sondaggio del Gruppo d'interesse per un ambiente pulito (IGSU).

Nel 2015, in occasione della prima indagine dell'IGSU, il 25% degli intervistati aveva dichiarato che "molti" o "piuttosto tanti" rifiuti erano erano abbandonati selvaggiamente; ora si è scesi al 20%.

Quattro anni fa, il 75% degli intervistati affermava di essere disturbato dal littering in misura "forte" o "piuttosto forte", mentre nell'indagine di quest'anno era solo il 46%.

In Svizzera il littering provoca un costo annuo stimato di circa 200 milioni di franchi.

Secondo l'IGSU (Interessengemeinschaft saubere Umwelt) il suo lavoro di sensibilizzazione e le misure adottate da città e comuni stanno producendo il cambiamento desiderato nel comportamento della popolazione. E tutto - sottolinea in una nota odierna - ciò nonostante la crescita demografica, l'aumento dei consumi fuori casa e un maggiore uso dello spazio pubblico.

In diverse città i responsabili della nettezza urbana percepiscono un miglioramento della situazione sul fronte delle immondizie. Ma secondo l'IGSU per mantenere la situazione sotto controllo occorre proseguire le misure contro l'abbandono selvaggio di rifiuti urbani dove capita.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.