Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aveva promesso il silenzio in questa giornata di lutto nazionale. Ma non ha resistito alla tentazione di un tweet: "Voglio offrire ai francesi un referendum sulla pena di morte. Personalmente, penso che questa possibilità debba esistere", ha scritto, in un messaggio incendiario pubblicato alle 7:58 del mattino, la leader del Front National Marine Le Pen.

Nel tardo pomeriggio di ieri, la dama nera aveva annullato all'ultimo minuto una conferenza stampa convocata per questa mattina, con il dichiarato obiettivo di osservare il silenzio in questa giornata di lutto nazionale, in seguito all'attentato contro la sede del settimanale Charlie Hebdo. Ma non è stato un silenzio reale. A Parigi, Le Pen ha pure denunciato "l'assenza di mezzi dell'intelligence. Ci sono ottime professionalità, ma in queste condizioni nessuno può fare miracoli".

In questo tragico inizio d'anno, la candidata all'Eliseo per il voto presidenziale del 2017 ha poi denunciato "l'esclusione" del Front National dalla grande marcia repubblicana di domenica, deplorando che il premier, Manuel Valls, non l'abbia invitata ufficialmente, mentre lo ha fatto con la destra neogollista. Nel Ps, alcune voci si sono effettivamente opposte alla presenza dell'estrema destra nel corteo di domenica, in cui tutte le forze del Paese sono chiamate a manifestare "l'unità nazionale" davanti alla barbarie. Ma si tratta di posizioni isolate che non costituiscono una posizione ufficiale del governo. "È caduta la maschera, escludendoci dalla manifestazione, socialisti e neogollisti dimostrano il loro carattere settario, in un momento così difficile per il nostro Paese diventano simbolo di divisione, mossi da basse manovre elettorali", ha comunque polemizzato Le Pen, ricordando di rappresentare "il 25% dei francesi" dopo il successo del Fronte alle scorse elezioni europee. E ancora: "È una vergogna".

Invitata domani all'Eliseo come tanti altri responsabili politici, Le Pen - che boicotterà il corteo di domenica senza un invito ufficiale - ha quindi espresso un forte messaggio di preoccupazione sul "livello di infiltrazione dell'Islam radicale nel nostro territorio e sui mezzi che devono essere messi in campo per proteggere i nostri connazionali". Per lei, il "fondamentalismo islamico", causa "migliaia di morti ogni giorni ai quattro angoli del pianeta".

Intanto, dalla Gran Bretagna, un altro leader emergente della galassia euroscettica, Nigel Farage - che ha sempre rifiutato l'alleanza con il Fn - è finito a sua volta al centro delle polemiche dichiarando che la causa della strage di Parigi è da ricercare nella politica di "multiculturalismo" portata avanti da Parigi e Londra e nella mancanza di adeguati controlli all'immigrazione.

"Non è il giorno per fare commenti politici o discussioni", gli ha risposto il premier, David Cameron. Mentre il vicepremier Nick Clegg si è detto "allibito" da queste dichiarazioni. Da parte sua, il segretario della Lega, Matteo Salvini - stretto alleato della Le Pen a Strasburgo - si è detto "culturalmente contrario alla pena di morte", pur ritenendo che l'Islam sia "pericoloso".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS